La città "eterna" e il fascino "immortale" della sua arte - Visita alla Roma barocca alla scoperta di Bernini, Borromini e Caravaggio
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli San Salvo su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    La città "eterna" e il fascino "immortale" della sua arte

    Visita alla Roma barocca alla scoperta di Bernini, Borromini e Caravaggio

    Più indicibili di tutto sono le opere d’arte, misteriose esistenze, la cui vita, accanto alla nostra che svanisce, perdura”: così una delle più famose citazioni dello scrittore boemo Rainer Maria Rilke in relazione al significato e alla reale importanza dell’arte.

    Noi ragazzi del Mattioli nella giornata di giovedì 17 gennaio siamo partiti per un vero e proprio viaggio volto alla scoperta della Roma barocca e di due degli artisti più importanti del tempo che con le loro opere hanno segnato quel periodo storico in Italia, Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini, unendo a fine giornata una bellissima visita guidata alla mostra del poeta latino Ovidio e dei rappresentazioni delle “Metamorfosi” che sono il fondamento della mitologia classica.

    La prima tappa del nostro viaggio è stata la chiesa di Santa Maria della Vittoria, eretta tra il 1608 e il 1620 dai Carmelitani Scalzi che incaricarono nella sua progettazione l’architetto Carlo Maderno. La chiesa sembra rispettare il canone barocco, in quanto è contraddistinta da un interno molto sfarzoso ed entrando, pur essendo rapiti dalla sontuosa decorazione, ci si rende conto ben presto che l’attrattiva maggiore risiede nella “Cappella Cornaro” e dunque nella rappresentazione della irrepetibile “Estasi di Santa Teresa d’Avila” trafitta dall’amore per Dio, opera magistrale del Bernini. Dopo l’analisi accurata della "transverberazione" da parte della prof. Genovesi e l'incanto per la bellezza di un’opera vista per troppo tempo soltanto sui libri scolastici, ci siamo recati presso le chiese contigue di Sant’Andrea al Quirinale e San Carlo alle Quattro Fontane, che, sebbene siano state progettate una dal Bernini e l’altra dal Borromini, si presentano simili nello stile e nella forma ellittica, che esprime movimento e sottolinea l’aspetto dinamico della composizione e il riproporsi di linee concave e convesse che segnano le due chiese.

    Nel primo pomeriggio, dopo una piacevole pausa in piazza di Spagna, e l'immancabile visita al Pantheon e alla fontana di Trevi, ci siamo recati a San Luigi dei Francesi. Qui la nostra attenzione è stata catturata dalla “Cappella Contarelli”, che custodisce tre fantastiche tele di Caravaggio, tra cui la celebre “Vocazione di San Matteo” realizzata nel 1600, e, come già accaduto nel corso della mattinata, ci siamo sentiti completamente travolti dalla pregevolezza del dipinto, immedesimandoci nella scena descritta dal pittore, e analizzando l’opera nei minimi dettagli.

    piazza Navona a RomaProbabilmente in tutti questi tesori risiede la bellezza di una città come Roma, la cui storia e arte non si riesce a conoscere mai del tutto e che conserva e conserverà accuratamente il ricordo di queste eternamente. Prima della mostra di Ovidio, di cui tratteremo diffusamente quanto prima, non potevamo non concederci una pausa caffè allo storico Caffè Sant’Eustachio e un veloce passaggio nella freddissima piazza Navona dove il prof. Aquilano ha messso il punto finale sul rapporto controverso tra i due grandi artisti davanti alla Fontana dei Quattro Fiumi di Bernini che guarda “sfacciata” la facciata di Sant’Agnese in Agone di Borromini.

    Francesca Romana Bolognese


    Parole chiave:

    barocco , roma , visita didattica

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi